sabato 5 agosto 2017

A Passi Lenti

Tanti prodotti sul mercato e non ce ne sta uno che sappia azzerare i pensieri.
Che li annienti, che li riduca in polvere, che stacchi completamente il cervello e i suoi diabolici giochetti. 
Una pozione magica, un unguento miracoloso, una ricetta di eterna gioia e serenità.
Forse chiedo tanto, chiedo troppo.
Chiedo di poter dimenticare come se bastasse un colpo di spugna, come se fosse sufficiente volgere lo sguardo da un'altra parte.

Fonte: ponzaracconta. it

E a dire il vero ci provo tutto il giorno a farlo e so di aver già fatto passi da gigante. Mi sento meglio, ci penso meno, mi concentro di più su tutto il resto. Che poi quel resto è la mia vita e merita tutta l'attenzione possibile.

Però, c'è sempre un però.
In alcuni orari sono più vulnerabile che in altri e in certi momenti resettare il pensiero diventa un peso insostenibile. La mente viaggia, compie i soliti deleteri giri, ritorna su quegli schemi sbagliati e si crogiola in quei tormenti. Il pugno allo stomaco arriva pochi secondi più tardi, mozzandomi il respiro. L'aria defluisce fuori, io mi sento mancare.
Penso ad una lavagna bianca da cancellare, penso a quanto sarebbe bello se le cose potessero realmente funzionare così.

8 commenti:

  1. Quando una cosa capita non la si può cancellare. Però poi c'è il tempo che scorre ad aiutare

    RispondiElimina
  2. Cinnamon Kitty5 agosto 2017 19:46

    Per esperienza, posso solo dirti che più ci si sforza di non pensare a qualcosa, più il pensiero diventa ossessivo.
    Dato che non si può cancellare, prova ad accettarlo e, se posso permettermi, cerca di non esser troppo dura con te stessa. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Kitty.
      Non sono dura con me stessa, è che vorrei davvero tornare ad essere completamente serena. Spero di riuscirci nel più breve tempo possibile ma non è facile. Baci.

      Elimina
  3. Sono riuscito solo una volta a dimenticare volontariamente una cosa. Era un numero di telefono e mi sono imposto di farlo finire nel profondo della mia mente. Non so se riaffiorerà, e non ti so purtroppo dire come ho fatto. L'unica soluzione alternativa è affrontare la cosa, anche se significa arrendersi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Affrontarla nel mio caso equivale a dimenticare tutto ed è quello che sto cercando di fare, con le unghie e con i denti. Un abbraccio Pier.

      Elimina
  4. L'hai trovato alla fine il prodotto miracoloso?

    Bacio
    P.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stata una vana ricerca, ho capito che non esiste cara Pippa. Un abbraccio.

      Elimina